2. Le cinque storie di maria

(Cinque racconti in prosa – 80.000 caratteri circa spazi inclusi)

COME È NATO
Scritto in dodici mesi tra il luglio del 1983 e il luglio 1984 è la raccolta di cinque racconti scritti in una forma che all’epoca amavo definire “prosa poetica”. Avevo letto Montale, e quando ero arrivato a Xenia ero rimasto folgorato dalle sue stanze, brevi, accurate, lancinanti, esattamente la forma che avrei voluto dare alla mia letteratura. Non ricordo come è nato mentre so perfettamente quando l’ho terminato, il racconto finale è stato scritto al rifugio Vazzoler nel gruppo dolomitico del Civetta, all’epoca ero un alpinista e un giorno di maltempo mi aveva consentito di scrivere. Ricordo le pagine finali, scritte, a mano, sui tavoli esterni del rifugio. Il giorno dopo avremmo salito, la via Tissi alla Torre Venezia e due giorni dopo, il lungo spigolo ovest alla Torre Trieste.

SINOSSI
Cinque racconti in quadri brevi. “Tre giorni di luglio”, dalla città a un allevamento di cani in campagna, la storia di una giovane coppia in giornate oppresse da un’afa micidiale sino alla fuga di lui, per tornare, solo, alla casa e alla città appena lasciata. “Desideri di una mattina d’inverno”, l’incontro casuale con una ragazza, un rapporto segnato dall’incapacità di comunicare, e la nostalgia finale, del sogno del protagonista, per quella sarebbe potuta essere una grande storia d’amore. “Il figlio di Anna” L’innamoramento per una donna, la sua gravidanza, le notizie sulla salute del feto, la progressiva freddezza della donna, il suo distacco, sino alla fuga, improvvisa. “Il nome del padre”. Il figlio torna dal padre che vive con un’altra donna, padre e figlio si confrontano in una tensione aspra, dove affiorano conflitti mai affrontati né risolti. “maria”. Il protagonista ricorda le sue due compagne, molto simili tra loro, tanto che decide di chiamarle entrambe maria.

ESTRATTI

Tre giorni di luglioAlice mi teneva per mano come si tengono i bambini che sono indisciplinati. L’uomo, che sino a quel momento aveva sorriso per Alice, sorrise anche a me. Guardava le nostre mani unite, senza sapere che la mia era sudata, godendo della certezza di sapere che lei non mi era moglie.

Desideri di una mattina d’invernoVorrei incontrarti nel mattino di un giorno d’inverno, nei vicoli della città vecchia spazzati dalla correnti di un vento del quale non si conosce l’origine, io e te soli, lontani da ogni riferimento diverso da noi stessi. Vorrei sentire la tua voce pronunciarsi diversamente da come era e come io volevo che fosse.

Il figlio di AnnaIl figlio che avevo desiderato cresceva storto nel ventre di una donna che non amavo. Avevo perso il conto dei mesi della sua gravidanza, nella stessa maniera in cui non riuscivo più a ricordare da quanto tempo avessi cessato di amarla. Questo era avvenuto prima che avvenisse il concepimento. Quanto tempo mi era impossibile dirlo.

Nel nome del padreMolto più tardi lo avevo sentito rincasare, poi indugiare in bagno e infine ciabattare in direzione della sua camera. Non si era fermato, aveva proseguito diritto, ignorando la mia porta e forse anche la mia presenza nella sua casa. Lo sosteneva un passo pesante, di ubriaco o di afflitto. Senza dubbio di ubriaco. Mio padre non poteva avere motivo di essere afflitto.

maria. Confondo i tetti di ardesia della prima casa che abbiamo abitato con il piccolo giardino pensile dell’appartamento all’ultimo piano che occupavamo dieci anni dopo. Anche la prima volta l’abitazione era all’ultimo piano. Stento a ricordare questo particolare, perché era così piccola che la credevo sottoterra.

PUBBLICAZIONI
Nessuna pubblicazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...